XV giornata di aggiornamento a Turku

Sabato 11 novembre 2017, l’Associazione degli insegnanti d’italiano in Finlandia, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, ha organizzato a Turku la XV giornata di aggiornamento.

All’evento ha partecipato anche Il nuovo Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Dott.ssa Patrizia Gambarotta, a cui vogliamo indirizzare il nostro ringraziamento per aver confermato il suo sostegno all’Associazione e ai docenti, apprezzandone il lavoro svolto.

Il seminario ha registrato un alto gradimento e ha avuto l’adesione di 28 docenti, provenienti da varie città, tra cui Turku, Tampere, Helsinki, Savonlinna e Rauma, in virtù della tematica affrontata e della metodologia Flipped Classroom per l’insegnamento linguistico,

Il tema è stato approfondito dalla Professoressa Alberta Novello dell’Università Ca’ Foscari di Venezia che, con grande competenza e chiarezza, ha presentato le molteplici modalità di utilizzo di spezzoni di film e cortometraggi nell’insegnamento della lingua italiana, nonché le tecniche per l’uso didattico di spezzoni video secondo la metodologia della Flipped Classroom. Alberta Novello ha introdotto la nuova metodologia coinvolgendo attivamente i partecipanti sia prima dell’inizio della giornata di aggiornamento, tramite attività proposte sulla piattaforma Moodle, sia durante il seminario, con molteplici attività di gruppo e interessanti approfondimenti culturali.

La didattica della Flipped Classroom, classe capovolta, consiste nell’invertire il luogo in cui si segue la lezione, a casa anziché a scuola, con quello in cui si studia e si fanno i compiti, a scuola anziché a casa. In pratica un metodo che cambia radicalmente le modalità dell’apprendimento tradizionale basato sulla lezione frontale.

A tale scopo l’utilizzo di piattaforme diventa fondamentale per mettere in contatto i partecipanti prima dell’evento e per inserire i contenuti multimediali (immagini, video, testi, file audio). Gli studenti quindi arrivano in classe già preparati, pronti per fare esperienze laboratoriali, ma anche per svolgere esercizi e rispondere a quesiti, che approfondiscono quanto visto o ascoltato a casa. Questa metodologia può aiutare, inoltre, chi ha difficoltà di apprendimento con la didattica tradizionale.

Nel corso della giornata Alberta Novello ha sottolineato più volte l’importanza del coinvolgimento attivo dello studente, prima, durante e dopo il corso, per mantenere alta la motivazione e migliorare il profitto.

Il seminario si è rivelato, altresì, un’occasione importante per i docenti per conoscersi meglio, scambiarsi esperienze e testimonianze e condividere suggerimenti.

Nella speranza di potervi incontrare durante i prossimi eventi, vi auguriamo tante soddisfazioni attraverso la messa in pratica degli stimoli e delle novità emerse durante il seminario.

Buon lavoro a tutti!

Silvia Pina e il Comitato Direttivo

Per approfondimenti sulla metodologia della Flopped Classromm

Lascia un commento